Biathlon Azzurro

Mondiali Giovanili: Passler è bronzo nell’inseguimento Juniores, Martina Trabucchi e Linda Zingerle sul podio tra le giovani

Arrivano tre medaglie azzurre nelle gare ad inseguimento dei Mondiali giovanili in corso ad Obertilliach, ma partiamo con ordine:

Martina Trabucchi e Linda Zingerle rispettivamente sono argento e bronzo nella pursuit femminile giovani che in incoronato Lena Repinc. La slovena, già regina nella sprint, ha controllato la situazione anche sui 7,5 km in programma nonostante due errori al poligono per un tempo totale di 21’20″8. Alle sue spalle la piemontese ha compiuto una grande impresa, che le ha consentito di risalire dalla decima posizione di partenza con un solo errore al tiro. Per lei anche il piccolo rammarico dell’unico errore nella serie conclusiva, che le avrebbe probabilmente permesso di cogliere un clamoroso oro.

Ottima la prestazione sugli sci anche per Zingerle, la quale ha sopperito nel migliore dei modi ad una giornata di scarsa vena al poligono, dove ha commesso addirittura cinque errori. Per l’Italia si tratta della quinta e sesta medaglia della rassegna giovanile in ordine di tempo dopo l’argento di Rebecca Passler nella sprint juniores, l’argento di Fabio Piller Cottrer nella sprint giovani, il bronzo di Beatrice Trabucchi nell’individuale junior e l’argento della stessa Zingerle nella sprint giovani. La classifica di giornata vede anche il diciottesimo posto di Sara Scattolo, staccata di 2’08″8 con cinque errori.

Sesto posto per Marco Barale nella pursuit dei Mondiali Giovani di Obertilliach. L’azzurro conclude con 2’07″2 di ritardo dal vincitore, pur con 4 errori al poligono.
La vittoria va al russo Denis Irodov, nettamente superiore agli avversari e capace di chiudere la gara con il tempo di 27’13″3, con un errore al tiro, davanti al polacco Marcin Zawol, due errori, staccato però di 1’27″0 e allo svedese Oscar Andersson, 4 errori, e 1’34″6 di svantaggio.
Oltre al sesto posto di Barale, l’Italia registra anche il 13/o posto per Stefan Navillod a 2’55″2 e il 19/o di Fabio Piller Cottrer, con 7 errori e 3’19″4 di svantaggio.

Ordine d’arrivo pursuit femminile Mondiali giovani Obertilliach (Aut):
1. Lena Repinc (Slo) 2 21’20″8
2. Martina Trabucchi (Ita) 1 +14″9
3. Linda Zingerle (Ita) 5 +26″0
4. Fany Bertrand (Fra) 4 +52″1
5. Sara Andersson (Sve) 3 +1’00″6
6. Kaja Zorc (Slo) 3 +1’01″4
7. Anastasiia Grishina (Rus) 1 +1’01″8
8. Selina Grotian (Ger) 3 +1’03″1
9. Ema Kapustova (Svk) 0 +1’18″7
10. Oceane Michelon (Fra) 4 +1’30″4

18. Sara Scattolo (Ita) 5 +2’08″8

Ordine d’arrivo pursuit maschile WCHY Obertilliach:
1. D. Irodov RUS 1 27’13″3
2. M. Zawol POL 2 +1’27″0
3. O. Andersson SWE 4 +1’34″6
4. J. Zidar SLO 0 +1’55″1
5. Y. Keller SUI 1 +1’58″6
6. M. Barale ITA 4 +2’07″2
7. E. Larsson SWE 5 +2’15″8
8. B. Menz GER 4 +2’21″9
9. J. Gunka POL 7 +2’24″4
10. V. Lejeune FRA 5 +2’32″2

13. S. Navillod ITA 2 +2’55″2
19. F. Piller Cottrer 7 +3’19″4

E sono sette! A pochi minuti di distanza dall’accoppiata argento-bronzo realizzata Martina Trabucchi e Linda Zingerle nella pursuit dei Mondiali giovani di biathlon in corso di svolgimento sulla pista austriaca di Obertilliach, arriva ancora un podio per la squadra italiana grazie a Rebecca Passler. La Carabiniera, già argento nella sprint, si è ripetuta nella pursuit chiusa al terzo posto, con una distacco di 47″5 da Amy Baserga, abile a difendere con successo il primo posto conseguito nella sprint. La svizzera ha tagliato il traguardo con il tempo di 29’22″4 e un errore al poligono, davanti alla norvegese Synne Owren, argento a 41″8 con tre errori. Passler ha condotto una gara regolare nonostante tre errori, con la quale ha accumulato 47″5 di ritardi, sufficienti per precedere la francese Camille Bened, quarta a 1’12″1. Grande prestazione anche per Beatrice Trabucchi: la valdostana, partita con il pettorale 20, ha recuperato la bellezza di 14 posizioni con un prova impeccabile al tiro, unica fra le sessanta partenti ad arrivare con uno zero all’arrivo. In classifica è presente anche Hannah Auchentaller, ventitreesima con sei errori, mentre la piemontese Gaia Brunetto è finita 42sima con quattro errori. Per l’Italia si tratta dunque della settima medaglia della rassegna giovanile che si aggiugne come detto all’argento e bronzo di Martina Trabucchi e Linda Zingerle nella pursuit giovani, all’argento di Rebecca Passler nella sprint juniores, all’argento di Fabio Piller Cottrer nella sprint giovani, al bronzo di Beatrice Trabucchi nell’individuale juniores e all’argento di Zingerle nella sprint giovani.

Ordine d’arrivo pursuit femminile Mondiali junior Obertilliach (Aut):
1. Amy Baselga (Svi) 1 29’22″4
2. Synne Owren (Nor) 3 +41″8
3. Rebecca Passler (Ita) 3 +47″5
4. Camille Bened (Fra) 3 +1’12″1
5. Ella Halvarsson (Sve) 1 +1’16″7
6. Beatrice Trabucchi (Ita) 0 +1’20″1
7. Tereza Vobornikova (Cze) 2 +1’33″0
8. Joanna Jakiela (Pol) 5 +1’38″6
9. Juni Arnekleiv (Nor) 5 +1’39″5
10. Darya Kudayeva (Blr) 1 +140″3

23. Hannah Auchentaller (Ita) 6 +2’58″5
42. Gaia Brunetto (Ita) 4 +4’32″4

Nella prova maschile Emilien Claude ha bissato l’oro della sprint giungendo al traguardo con il tempo di 32’16″5, con il quale ha preceduto il connazionale Erc Perrot di 7″7, bronzo al russo Mikhail Pervushin a 14″2. Dodicesimo posto a 1’03″3 per David Zingerle, capace di recuperare otto posizioni rispetto alla sprint, mentre Iacopo Leonesio è finito ventunesimo, Michele Molinari ventiquattresimo e Cedric Christille trentatreesimo.

Ordine d’arrivo pursuit maschile Mondiali junior Obertilliach (AUt):
https://ibu.blob.core.windows.net/docs/2021/BT/JWRL/CH__/JMPU/C73D_v0.pdf

Fonte: FISI.org

Foto: Reichert IBU