Biathlon Azzurro

Nove Mesto 2021: Eckhoff maestosa vince anche l’inseguimento e la Coppa del Mondo è sua! Bene Wierer, quinta

Tiril Eckhoff è imprendibile e firmando l’ennesima doppietta vince anche l’inseguimento di Nove Mesto. La norvegese vede le avversarie sempre più dall’alto e vince la Coppa del Mondo generale con una tappa di anticipo. Grazie all’imponente passo sugli sci e alla stabilità al tiro tanto agognata durante le passate stagioni, si dimostra sempre più un’atleta da record, la vittoria di oggi è la quinta consecutiva nel format e arriva subito dopo la sesta vittoria di fila di ieri in una gara sprint. Neanche a dirlo anche le rispettive coppe di specialità sono sue in questa stagione che l’ha vista protagonista fin da dicembre.
In quanto a oggi, gara di testa dall’inizio alla fine per la fuoriclasse norvegese che conclude la prova in 27’13”6 vincendo per dispersione con una prova quasi perfetta sporcata solamente da un errore nella seconda serie di tiro. Se da una parte il primo posto è parso in ghiaccio fin da subito, dall’altra è andata diversamente per i restanti gradini del podio combattuti fino agli ultimi metri in una lotta tra diverse nazioni.

Alla fine a spuntarla al secondo posto è la bielorussa Dzinara Alimbekava. La venticinquenne, sesta nella sprint di ieri, ha chiuso la gara con un distacco di 34”6 dalla testa grazie a una prova perfetta al tiro che le ha permesso di rimontare di poligono in poligono arrendendosi solo alla vincitrice di giornata. Si tratta di un risultato importante in ottica classifica under-25 per la giovane bielorussa che guadagna punti preziosi sulle dirette avversarie in primis Marketa Davidova, oggi sesta a 52”6 con un errore, Ingrid Landmark Tandrevold 24esima (1+0+1+2) e Elvira Oeberg 16esima (0+2+1+0).
Dopo il quarto posto nella sprint, chiude il podio di oggi a 40”2 con due errori Franziska Preuss che ha avuto la meglio nell’ultimo giro su Marte Olsbu Roeiseland (1+0+0+0) e Dorothea Wierer (0+1+0+1), rispettivamente quarta e quinta all’arrivo. Sfida combattuta nel giro finale tra le tre, la tedesca e l’azzurra sono uscite in coppia dal giro di penalità a seguito del quarto poligono con circa 12” di vantaggio sulla norvegese che le ha raggiunte progressivamente in vista della volata finale dove però è stata l’accorta Preuss ad avere la meglio.

Da segnalare la positiva prova di squadra austriaca che piazza tre atlete nella top-15 capitanate da Lisa Theresa Hauser, pettorale 13, in lotta per le posizioni di testa grazie alla precisione fino a metà gara ma settima a poco più di un minuto all’arrivo complici due errori di troppo nelle serie in piedi. Bella rimonta anche per Dunja Zdouc, 41esima nella sprint, che chiude una prova perfetta al tiro addirittura in 13esima posizione seguita dalla compagna di squadra Julia Schwaiger (0+1+0+1) 14esima dopo la top-10 centrata nella gara di ieri. Risultato soddisfacente anche per la statunitense Susan Dunklee che, grazie a un ottimo 19/20 al poligono, eguaglia l’ottavo posto ottenuto nella sprint chiudendo a 1’12”9 dalla testa. Nona piazza a 1’17 per Anais Chevalier-Bouchet, in rimonta dalla 19esima di ieri; chiude la top-10 a 1’22”3 una deludente Denise Herrmann, decisamente fallosa al tiro con tre errori e con un passo sugli sci non degno dei giorni migliori.

In casa Italia quindi bella prestazione per Dorothea Wierer che consolida la top-5 nella classifica generale per la sesta stagione consecutiva. Non si può dire altrettanto di Lisa Vittozzi che, dopo il 28esimo posto di ieri, chiude l’inseguimento in 54esima posizione con sei errori totali cinque dei quali occorsi nei due poligoni a terra che per l’ennesima volta si dimostrano il tallone di Achille della sappadina. Speriamo che questa altalena di risultati sia solo una fase passeggera per la nostra azzurra e che possa trarre insegnamento dagli errori per lavorare al meglio in vista della prossima stagione dove la attendiamo a lottare per le posizioni di testa all’altezza del suo potenziale.

Intanto vi diamo appuntamento a domani con la staffetta mista tradizionale alle 10.25 e la single mixed alle 13.45, per l’Italia scenderanno in campo rispettivamente Vittozzi-Wierer-Windisch-Hofer e Carrara-Giacomel.

 

FOTO: IBU Media

Elena Facondo