Biathlon Azzurro

Ibu Cup: Egorova e Nawrath ottengono il successo nella seconda sprint di Brezno-Osbrlie

Terza giornata di gare per quanto riguarda la seconda tappa slovacca di IBU CUP: a Brezno-Osbrlie (SVK) si sta disputando la quinta tappa del circuito. In mattinata si è appena disputata la sprint femminile, mentre nel pomeriggio sono scesi in pista gli uomini.

Il successo è andato alla russa Anastasiia Egorova, che dopo il podio ottenuto nell’inseguimento la scorsa settimana riesce a trovare la sua prima vittoria centrando tutti i bersagli e superando a parità di errori di 14.7 secondi la giovane norvegese Marthe Krakstad Johansen (classe 1999), al primo podio assoluto nella competizione. Completa il podio la connazionale norvegese Karoline Erdal, che giunge terza a 17’’4, nonostante abbia mancato un bersaglio nella seconda serie di tiro, ma con un ottimo passo sugli sci che le ha permesso di tornare nella top 3 dopo gli ottimi risultati ottenuti agli europei di Dusziki Zdroj. Beffata per soli due decimi e spodestata dal podio l’ucraina Anna Kryvonos, abile a trovare lo zero al poligono, mentre è quinta la tedesca Vanessa Voigt, la protagonista assoluta delle gare di Osbrlie che interrompe la sua striscia di tre vittorie consecutive in Ibu Cup: con un bersaglio mancato nella serie in piedi chiude a 19.9 secondi dalla vincitrice.

Indietro le azzurre, la valdostana Samuela Comola risulta la migliore nella prova odierna: l’atleta dell’Esercito ha coperto 9/10 bersagli (1+0) chiudendo la sua prova in posizione 34esima posizione a 1’32.6” da Egorova. Più fallose le altre due atlete italiane impegnate: Nicole Gontier manca due bersagli per serie e chiude la sua prova in zona punti, 40esima a 1’51.5”, mentre la friulana Eleonora Fauner dopo una difficile serie a terra ha saputo riprendersi bene in piedi trovando lo zero (3+0), terminando la sua gara in 49esima posizione a 2’09.5”.

In campo maschile la vittoria è andata al tedesco Philipp Nawrath (0+1), autore del miglior tempo sugli sci limitando gli errori commessi nella serie in piedi, precedendo il connazionale emergente David Zobel (0+0) a soli 4 decimi, 3° posto per l’ucraino Ruslan Tkalenko (0+0) a 11″4.

Ottimo anche il piazzamento di Philipp Horn (1+0) 4° davanti ai norvegesi Filip Fjeld Andersen (0+1) 5°, Sivert Guttorm Bakken (1+0) 6° e Håvard Bogetveit (0+2) 7° e Aleksander Fjeld Andersen (0+1) 9°. In mezzo agli scandinavi si è inserito l’altro ucraino Andriy Dotsenko (0+0).

Il migliore degli azzurri è stato Giuseppe Montello (1+0) 18° con 48 secondi di ritardo e quindi un buon punto di partenza per l’inseguimento di domani: poco più attardato il secondo friulano Nicola Romanin (0+1) 28° a 1’05.8″ e Patrick Braunhofer (2+0) 33°a 1’20.9″. Chiudono appena fuori dalla zona punti ma sono qualificati per l’inseguimento di domani Saverio Zini (1+2) 43°, Daniele Cappellari (1+1) 49° e Jan Kuppelwieser (1+0) 56°.

Clicca qui per i risultati della sprint femminile

Clicca qui per i risultati della sprint maschile

Fonte: Fondoitalia

Foto: Stancik IBU