Biathlon Azzurro

Individuale Mondiali 2021 di Pokljuka: Laegreid ruggisce e si prende oro e coppa, 19esimo Hofer

Si è appena conclusa la prova individuale maschile dei Mondiali 2021 di Pokljuka: la vittoria è andata a Sturla Holm  Laegreid, al primo titolo iridato individuale della carriera. Il norvegese ha amministrato al meglio la gara, trovando un ottimo 0 complessivo al tiro, e non dando mai l’impressione di essere in affanno. Il classe 97′ si conferma uomo da battere sui quattro poligoni e si aggiudica meritatamente la coppa di specialità (dopo la vittoria ottenuta anche a Kontiolahti). La sua gestione della contesa ha impressionato per maturità e solidità, riuscendo ad essere sempre avanti rispetto alla concorrenza fin dall’inizio della prova.

Il norvegese si riavvicina a Johannes Boe nella classifica generale, oggi quinto a 1’13” con, e troppo falloso (2). Il norvegese, chiamato a riscattare sprint e inseguimento, è parso in difficoltà sopratutto nelle serie in piedi dove ha commesso entrambi gli errori. Le sue percentuali non idilliache vengono ribadite anche oggi, e la difficoltà del norvegese con gli appuntamenti mondiali viene rimarcata.

In seconda posizione il tedesco Arnd Peiffer, staccato di 17 secondi, anch’egli con lo 0. Già campione nel mondo in questa disciplina, l’esperto biathleta ha parzialmente riscattato il Mondiale sin qui negativo del suo team regalando alla Germania la prima medaglia. Terzo a 40 secondi Johannes Dale, performante sugli sci e più costante al poligono, dove ha concesso un solo errore. In una specialità non troppo amiche alla compagine norge, viene più la qualità del nuovo che avanza, Laegreid e Dale.

Quarto a 1’12” un buon Quentin Fillon Maillet che ha pagato un errore di troppo: due quelli totali, entrambi a terra., nonostante sugli sci abbia fatto segnare il  secondo miglior tempo odierno.

Sesto la sorpresa della giornata, il russo Khalili (0), davanti al “solito” Eder (1) e a Benedikt Doll, entrambi intorno ai due minuti di ritardo.

In casa Italia da segnalare il 19esimo piazzamento di Lukas Hofer, in gara per il podio nella prima fase della gara ma troppo falloso nel finale dove ha gettato via anche la top-10. Più indietro gli altri azzurri, con Dominik Windisch 45esimo a 5’17” con 5 errori e fuori dalla partenza in linea di domenica. 57esimo Didier Bionaz con quattro errori a 6′, tutti in piedi, mentre non brilla Tommaso Giacomel all’esordio in un Mondiale, che a causa di sei errori termina 71esimo a oltre 7′.

Domani alle 15.15 tocca a singled mixed, con l’Italia che dovrebbe schierare la collaudata coppia Hofer – Wierer.

Manuel D’Angeli