Biathlon Azzurro

Mondiali Junior: Beatrice Trabucchi è medaglia di bronzo nell’individuale, i risultati della seconda giornata

Arriva la prima medaglia azzurra nella seconda giornata dei Campionati del Mondo giovanili di biathlon che si stanno disputando ad Obertilliach (Austria). A conquistare il bronzo nell’ individuale junior è la valdostana classe 2000 Beatrice Trabucchi: strepitosa l’atleta dell’Esercito che è riuscita a condurre una gara costante come passo sugli sci, compensando l’unico errore commesso nel corso della seconda serie (0+1+0+0).

La medaglia d’oro è andata con merito all’unica atleta in grado di trovare il 20/20 al tiro, ossia la francese classe 2000 Camille Bened, già sul podio in Ibu Cup nella sprint disputata ad Arber: la giovane transalpina conquista il secondo oro della manifestazione per la Francia dopo il successo ieri di Richard e l’argento di Geny nella categoria giovani.

La slovacca Henrieta Horvatova conquista la medaglia d’argento con il 19/20, regalando il secondo metallo nel medagliere dopo il bronzo della giovane Kapustova. Per Horvatova (classe 1999, 0+1+0+0), ottavo tempo come shooting time assoluto, il distacco è pari a 1 minuto e 25.4 secondi. Poco più indietro a parità di errori troviamo l’azzurra Trabucchi che ha un ritardo di 1’34.3” dalla vincitrice e quindi poco meno di dieci secondi da Horvatova con la quale ha condotto una gara in parallelo, mentre la prima atleta che chiude fuori dal podio è la svizzera Amy Baserga che con due bersagli mancati nelle prime due serie (1+1+0+0) è quarta a 1’51”, precedendo la francese Paula Botet (0+1+0+0).

Ottima prova di squadre delle azzurre: la carabiniera classe 2001 Rebecca Passler è decima con 3 errori, 2 dei quali arrivati nell’ultima serie (1+0+0+2) e che le sono costati il podio, facendo registrare un ottimo tempo sia come passo sugli sci che come shooting time. La compagna Hannah Auchentaller chiude invece 19esima dopo una prima parte di gara che l’ha vista fissare il miglior tempo di ingresso al terzo poligono, dove purtroppo l’azzurra ha mancato due bersagli, come in seguito nella serie in piedi (classe 2001, 0+0+2+2). La piemontese Gaia Brunetto dell’Esercito termina la sua gara in 29ma posizione con tre bersagli mancati (classe 2001, 1+0+1+1).

La 15 km individuale se la aggiudica l’outsider Philipp Lipowitz: partito con un numero alto ha condotto un’ottima gara sapendo gestire al meglio le prove al poligono, dove è rimasto sempre nelle prime 5 posizioni. Al secondo posto, distaccato di 11 secondi lo slovacco classe 2000 Alex Cisar, che fino all’ultimo ha sperato nella vittoria. La medaglia di bronzo se la mette al collo il fratello più piccolo della famiglia Claude, Emilien. Reduce dall’esperienza di Coppa del Mondo nelle tappe di Oberhof ed Anterselva, ha chiuso con un distacco di 37.9 da Lipowitz.

In casa Italia il migliore degli azzurri è Iacopo Leonesio, che ha fatto segnare il settimo posto. L’atleta classe 2000 del Centro Sportivo Carabinieri ha condotto una gara costante riuscendo a gestire la prova sugli sci e compensare l’unico errore al poligono (0+0+1+0). Davvero un peccato per David Zingerle (Esercito – 0+0+0+3) che chiude al 12° posto: l’ultimo poligono, dove ha commesso 3 errori, gli è stato fatale. Durante tutta la gara è stato in testa alla corsa facendo registrare ottimi tempi al poligono ed il quinto miglior tempo sugli sci. Il carabiniere Michele Molinari temihna la sua gara in 31esima posizione con quattro bersagli mancati (1+1+0+2). 42esima posizione per l’atleta delle Fiamme Gialle, Cedric Christille, che chiude la sua gara con tre errori al poligono (0+0+2+1).

Clicca qui per la classifica femminile

Clicca qui per la classifica maschile

Fonte: Fondoitalia.it

Foto: Reichert IBU